L
O SPECCHIO CONCAVO

22-10-2016
   
  a cura di MAURO ZANCHI e SARA BENAGLIA

All’interno dell’antico Palazzo della Misericordia di via Arena 9, nel cuore di Città Alta, e nello Spazio ALT di Alzano Lombardo fino al 27 novembre è aperta al pubblico Lo Specchio Concavo, una mostra collettiva – a cura di Mauro Zanchi e Sara Benaglia – costituita dalla ricerca di quaranta artiste internazionali, che hanno scritto la storia del contemporaneo privilegiando l’uso di fotografi a e videoarte.
La mostra accoglierà i lavori di Marina Abramovic; Yael Bartana; Letizia Battaglia; Vanessa Beecroft; Elisabetta Benassi; Vanessa Billy; Barbara Bloom; Fatma Bucak; Angela Bulloch; Sophie Calle; Shannon Ebner; Tracey Emin; Haris Epaminonda; Stefania Galegati; Nan Goldin; Barbara Hammer; Dana Hoey; Emily Jacir; Joan Jonas; Kimsooja; Barbara Kruger; Ketty La Rocca; Zoe Leonard; Sarah Lucas; Anna Maria Maiolino; Joanna Malinowska; Eva Marisaldi; Zanele Muholi; Shirin Neshat; Rä di Martino; Catherine Opie; Marinella Pirelli; Cindy Sherman; Kiki Smith; Alessandra Spranzi; Georgina Starr; Jemima Stehli; Rosemarie Trockel; Bettina von Zwehl e Francesca Woodman.

isbn 978 88 7766 610 9
pp. 96 - illustr. colori
€ 18,00
   
  BACO - Base Arte Contemporanea Odierna
  BergamoNews
   
N
ATALE E PASQUA NEI PRESEPI DI CESARE ROTA NODARI

15-10-2016
   
  con un contributo del
cardinale Dionigi Tettamanzi

isbn 978 88 7766 606 2
pp. 120 - illustr. colori
€ 20,00
   
L
'INSANA PASSIONE. IL FONDO PAOLO MORETTI PER LA SATIRA POLITICA

10-10-2016
   
  Fondo, e non Fondazione come qualcuno sopravvalutandomi ritiene, è espressione desueta ma pertinente per definire un archivio o una collezione, come nel mio caso. Il nome e il cognome denotano quel sano narcisismo che col passare degli anni non si ha più neppure il pudore di negare o di sfumare. La satira politica indica l’oggetto della collezione perché i circa 4.000 volumi raccolti e i 70.000 fogli mal contati di giornale sono tutti ad essa relativi, con qualche concessione alla satira di costume, i cui confini con quella politica sono davvero labili, o all’umorismo grafico che della satira è parente prossimo. Questo libro viene alla luce in prossimità dei miei settanta anni ed è in buona sostanza la storia della collezione e, in fondo, della mia vita. Ho avuto la fortuna di avere una splendida figlia che mi ha dato anche due bellissimi nipoti, ma con un pizzico di retorica potrei dire che il Fondo è diventato negli anni il figlio maschio che non ho mai voluto avere, con l’egoismo tipico del figlio unico appagato, senza rimpianti o nostalgie. La collezione è nata più di quaranta anni fa in un momento preciso della mia vita. Dopo una breve ma intensa attività politica ricca di soddisfazioni, con incarichi davvero rilevanti in rapporto all’età, ho deciso di abbandonarla non volendo pagare alcuni inevitabili pedaggi che la stessa necessariamente impone. Potrei vantarmi di aver rassegnato le dimissioni da incarichi che per molte persone avrebbero costituito mete ambiziose di decenni di onesta militanza di partito, quando i partiti ancora esistevano, ma come giustamente dice mia moglie, che bene mi conosce, anche in quella occasione ha prevalso il mio istinto di “cavallo arabo” desideroso di libertà anche intellettuale e insofferente a briglie troppo strette. La decisione è stata presa con serenità senza moralistiche condanne del mondo politico: la categoria che non sopporto è quella dei moralisti, perché per carattere non sono disposto a perdonare l’ipocrisia. La politica è però un virus dal quale sono guarito solo ora, anche perché quella attuale non solo non mi affascina, ma anzi mi annoia mortalmente. Negli anni settanta, invece, il virus esisteva e mi necessitavano una medicina per combatterlo e una compensazione per trovare un necessario e soddisfacente equilibrio interiore. L'ho trovato nella satira politica che già allora aveva ai miei occhi il pregio di incrociare in modo interattivo storia, politica, storia dell’arte e letteratura. (Paolo Moretti)

isbn 978 88 7766 600 0
pp. 246 - illustr. colori
€ 60,00
   
  Fondo Paolo Moretti
  LE ALI - GENERALI ASSICURAZIONI
   
U
LTIME POESIE. RINA SARA VIRGILLITO

30-09-2016
   
  Le ultime poesie inedite di Sara Virgillito scritte nell'ultimo anno della sua esistenza rivelano ancora una volta una materia incendiaria, mostrando l'itinerarium per ignem che conduce all'Amato. Poesia d'amore dunque, un amore che si racconta attraverso le rocambolesche fughe e i violenti agguati dell'Altro, voce costantemente presente, che forza le piaghe del cuore, caverna mistica in cui accadono le più terrificanti teofanie. Nelle ultime poesie Virgillito tenta nuovi linguaggi per esprimere l'indicibile, per carpire la segreta essenza di un'esperienza visionaria giunta al culmine. La raccolta annoda e sdipana le linee che compongono la fitta trama invisibile che sottende alla poesia di Sara Virgillito, custode di antichi riti primordiali a cui assistiamo, come già ricordava nel 1991 Mario Luzi, rapiti e affascinati. Nelle liriche è continua la perfetta osmosi tra reale e immaginario, tra visibile e invisibile, tra ombra e luce, tra fuori e dentro. Virgillito sceglie la condizione liminare della soglia, abita l'invisibile. Come scrisse l'autrice a proposito di Montale, ciò che resta è "un labirinto che ancora cela, come ogni grande poesia, il suo ultimo segreto".

isbn 978 88 7766 604 8
pp. 160
€ 14,00
   
A
LFREDO COLOMBO

01-09-2016
   
  "Una grande officina. Il profumo antico del fieno tagliato, le rade e forti maglie di rami giovani ed elastici - salice o nocciolo - intrecciate con la sicurezza delle abitudini ataviche, distribuite e tramandate lungo la dorsale delle valli, giù fino all'abbraccio lattiginoso della pianura. L'arte ricorda; ricorda le forme, il senso delle cose. Lo fa a modo suo, a metà fra storia e poesia, proprio dove si situa da molti decenni il lavoro di Alfredo Colombo, un lavoro potente, versatile, sensibile, sempre pronto a nuove illuminazioni ad ogni nuovo incontro, per esempio con un materiale, oppure un'idea, una traccia che affiora improvvisamente dal passato, o ancora una considerazione di vaga e solitaria acredine sulle cose presenti" (dalla prefazione di Martina Corgnati).

isbn 978 88 7766 605 5
pp. 104 - illustr. colori
€ 28,00
   
 
     
 
successivi >>